fbpx

Ostinàti festival

Ostinati-Festival
Quando:
25 Ottobre 2019@21:00–23:30
2019-10-25T21:00:00+02:00
2019-10-25T23:30:00+02:00
Dove:
vedi testo

Ostinàti festival
La legalità è un viaggio a passo lento

12 ottobre – Nando Dalla Chiesa incontra gli studenti
Il festival che chiude il nostro primo anno di progetto si apre con un incontro dedicato ai giovanissimi, con i quali abbiamo affrontato il tema della legalità nelle sue diverse accezioni.
A chiusura di questo percorso, sabato 12 ottobre l’Auditorium dell’Istituto Battisti ospiterà la proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate” di PIF, seguito da un dibattito con il professor Nando Dalla Chiesa.
A fare gli onori di casa ci saranno, oltre al Dirigente Scolastico Gian Luca Chiodini, il Sindaco di Salò Giampiero Cipani, il Vicesindaco Federico Bana e il Presidente dell’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale Stefano Visconti.

Ottobre 25 ore 21.00
Spettacolo “Io, Emanuela”

Teatro don Gorini via XXV Aprile, Bedizzole
Seconda tappa del nostro festival!
IO, EMANUELA è lo spettacolo realizzato dall’Associazione Progetti e Regie tratto dal testo “Io, Emanuela agente della scorta di Paolo Borsellino” di Annalisa Strada (scrittrice bresciana vincitrice del premio Andersen 2014), edito nel marzo 2016 da Einaudi Ragazzi. L’autrice ha scelto di raccontare in prima persona la storia di Emanuela Loi, giovane poliziotta di origini sarde che perse la vita a soli 24 anni nell’attentato al giudice Borsellino e alla sua scorta.
Il testo ci accompagna nella vita fatta di speranza, di gioia di vivere, di lealtà, di senso del dovere, di piccole e grandi scelte che Emanuela fece nella sua breve esistenza e sfiora senza retorica anche gli eventi della nostra storia più recente: gli omicidi di mafia, il Maxiprocesso di Palermo, la lotta tra i servitori dello Stato e quella che ormai è conosciuta come Cosa Nostra.
Lo spettacolo sarà introdotto dagli interventi dell’Assessore ai Servizi Sociali e alle Pari Opportunità Graziella Vedovello e di Pasquale Bonasora, referente per l’associazione Labsus, associazione che supporta Legami Leali nella sperimentazione dei percorsi di amministrazione condivisa. Alla rappresentazione seguirà, invece, un dibattito condotto da Massimo Serra.

Ingresso a offerta libera.

Ottobre 26 ore 9.00
Inaugurazione della Casa della Legalità

Piazza Aldo Moro Manerba del Garda
La giornata clou del festival!
Sabato 26 ottobre la villetta confiscata di via dei Colli a Manerba del Garda avvia la sua nuova vita: da simbolo del potere mafioso a Casa della Legalità!
La villetta ospiterà un polo dell’approfondimento e della sperimentazione sul tema della legalità, aperto in primo luogo alle scuole del territorio.
Manerba del Garda ospita il primo immobile confiscato alla criminalità organizzata riattivato dal nostro progetto: la villetta confiscata in via dei Colli a Manerba del Garda, che diverrà una “Casa della legalità”, ovvero un polo della conoscenza e dell’approfondimento sul tema della legalità e del bene comune.

ORE 9 apertura della giornata con il dibattito “Dalla confisca al bene comune.
ORE 10,30 Passeggiata della legalità per le vie del paese e fino a via dei Colli
ORE 11,45 Taglio del nastro e scopertura della targa della Casa della Legalità, che sarà inititolata a una vittima di mafia.
ORE 13,00 Spiedo con polenta all’oratorio di Manerba, preparato dagli amici di San Bernardo!

PRENOTAZIONI E’ possibile prenotare lo spiedo telefonando alla segreteria dell’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale (tel.0365.521221) dalle ore 9 alle ore 13 dal lunedì al giovedì;

COSTI:
Offerta AMICO: 20 euro
Offerta SOSTENITORE: 30 euro
I fondi raccolti serviranno a sostenere le attività del progetto Legami Leali.

N.B. In caso di pioggia la manifestazione del 26 ottobre si terrà presso il Palazzetto dello Sport di Manerba.

Novembre 8 ore 20.30
Spettacolo “Bum ha i piedi bruciati”
Teatro Alberti via Santa Maria 49 Desenzano del Garda, Italia
Quarta e ultima tappa del festival della legalità a passo lento!

“Bum ha i piedi bruciati” è un monologo teatrale, scritto diretto e interpretato da Dario Leone, che narra la vita di Giovanni Falcone, la sua storia di magistrato caparbio e inarrestabile che ha pagato con la vita il desiderio di giustizia, la sua lotta testarda e rivoluzionaria contro la mafia e insieme ad essa una delle pagine più tragiche e buie della storia recente d’Italia.

Falcone era una persona allegra, ironica, innamorata della vita e della libertà. Da qui prende le mosse l’interpretazione di Leone, in un crescendo di narrazione che mette in luce gli aspetti più intimi e quotidiani, gli entusiasmi, le intuizioni, le difficoltà dell’uomo prima che del magistrato, offrendo una chiave di lettura empatica, coinvolgente, rivolta a un pubblico di tutte le età: agli adulti, che ne hanno memoria e si troveranno a scoprire particolari sconosciuti, ai più giovani che potranno conoscere e rivivere i momenti che hanno portato a uno degli avvenimenti più drammatici nella storia del nostro paese.

Partendo dall’impianto narrativo del romanzo per bambini Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando, al quale Leone si è liberamente ispirato, lo spettacolo narra la vicenda attraverso gli occhi di un giovane padre palermitano, un piccolo negoziante il cui vissuto personale, la nascita del figlio, il lavoro in negozio, l’impotenza e lo sconforto di fronte al dilagare della criminalità organizzata che lui vede diffondersi lenta e silenziosa, inevitabilmente si intreccia agli episodi più eclatanti della vita del magistrato.

Ingresso a offerta libera!

Animatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087