fbpx

Mamma e papà non fate i capricci!

Mamma e papà non fate i capricci!

“Mamma e papà non fate i capricci!” è il libro scritto dalla pedagogista dott.ssa Mirna Zambelli che da tempo propone per i genitori bresciani appuntamenti per sviluppare la competenza emotiva e genitoriale .

Ma i capricci non li fanno i bambini?
Allora perché il libro porta questo titolo?

Il capriccio sotto un nuovo punto di vista

Come è facile intuire focus del libro è “Il capriccio”, ovvero  quel bizzarro comportamento che da sempre spiazza generazioni di genitori.

Nel testo è il punto di partenza di un’analisi che vuole mostrare  quanto il capriccio NON sia esclusiva del mondo infantile, anzi!

Si parte così dalla scoperta dei comportamenti capricciosi  dei genitori, i sono i veri protagonisti del libro.

Quindi non un manuale di “gestione” del capriccio, piuttosto un viaggio per genitori alla scoperta delle origini delle proprie reazioni, attraverso vissuti, aspettative, emozioni e in ultimo anche bisogni forse non sempre completamente ascoltati e soddisfatti.

Mamma e papà sono invitati a spogliarsi dalle abituali zavorre e attivare uno sguardo nuovo e di autoanalisi attraverso diverse prospettive e domande.

 Quando e come si manifestano i capricci?

Tutto sembra dipendere dall’interpretazione personale dei genitori, che ne individuano tre elementi ricorrenti:

  • la componente emotiva
  • la componente motoria
  • l’intenzionalità)

La dottoressa riporta che i genitori raccontano un coinvolgimento che spesso li altera provocando reazioni di cui poi si pentono.

Chi  manifesta i capricci?

Dal confronto tra il modo di agire dei genitori (impulsivo, aggressivo, irragionevole) e quello dei figli emergono troppe similitudini.
Anche i figli infatti restano coinvolti e turbati dai capricci dei genitori e reagiscono con gesti, emozioni e parole che ricordano tanto quelle di mamma e papà.

La bacchetta magica leva-capricci

Quando tutti questi capricci si incontrano o scontrano, servirebbe proprio una bacchetta magica leva-capricci!

In realtà ai genitori non servono strumenti magici, ma sguardi non giudicanti e rinnovate prospettive per accogliere, comprendere e gestire ciò che viene loro consegnato: una voglia sfrenata di crescere combinata ad un immaturo sistema nervoso.
mamma e papà non fate i capricci

Il capriccio è un appello rivolto agli adulti, che possono rifiutare di ascoltare o accogliere, sintonizzandosi sui loro canali comunicativi, mettendo in discussione tante certezze, accogliendo il loro modo diverso di sentire, crescendo con loro.

I bambini non sfidano, non scelgono di essere irrazionali, semplicemente non potrebbero essere altrimenti: l’acerba struttura cerebrale giustifica i corto-circuiti alla base di tante crisi rabbiose, musi o pianti; è limitata la loro capacità auto-regolativa, che matura con la pratica e l’osservazione del modo di pensare, vivere e gestire le emozioni delle figure principali di riferimento.

Come si fa allora?

Tenere il broncio, urlare, sculacciare o mortificare sono spesso comportamenti inconsciamente appresi o reazioni impulsive e reattive per concludere quanto prima il capriccio anziché esplorarne il senso esistenziale e relazionale.

E quando un bambino percepisce che i genitori non sono in grado di governare le sue manifestazioni continua a riproporre la sua disperata ricerca di qualcuno che lo possa contenere e aiutare

I genitori possiedono già tutti gli strumenti per migliorare i rapporti con i figli, è sufficiente sospendere la pretesa che i figli parlino la loro lingua e comprendano le loro esigenze.
Se ci si limita a catalogare il comportamento del bambino come capriccioso non si coglie il reale significato e la ricchezza di tutto ciò che ci comunica: desideri, gusti, dolori, emozioni e bisogni che cercano aiuto, guida e protezione.

Ridimensionare condizionamenti e aspettative, verso il proprio figlio ma anche verso se stesso, permette a mamme e papà di instaurare una relazione autentica e rispettosa con tutti i membri della sua famiglia.

E questo è molto meglio di una bacchetta magica!

Buona lettura e riflessione!


Ringrazio per la disponibilità l’autrice del libro la dott.ssa Mirna Zambelli
348 360 5319
mirnazambelli@libero.it
Pagina Facebook

Il libro è acquistabile dallo shop qui
mamma e papà non fate i capricci


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

“Mamma e papà non fate i capricci!” è il libro scritto dalla pedagogista dott.ssa Mirna Zambelli che da tempo propone per i genitori bresciani appuntamenti per sviluppare la competenza emotiva e genitoriale .

Ma i capricci non li fanno i bambini?
Allora perché il libro porta questo titolo?

Il capriccio sotto un nuovo punto di vista

Come è facile intuire focus del libro è “Il capriccio”, ovvero  quel bizzarro comportamento che da sempre spiazza generazioni di genitori.

Nel testo è il punto di partenza di un’analisi che vuole mostrare  quanto il capriccio NON sia esclusiva del mondo infantile, anzi!

Si parte così dalla scoperta dei comportamenti capricciosi  dei genitori, i sono i veri protagonisti del libro.

Quindi non un manuale di “gestione” del capriccio, piuttosto un viaggio per genitori alla scoperta delle origini delle proprie reazioni, attraverso vissuti, aspettative, emozioni e in ultimo anche bisogni forse non sempre completamente ascoltati e soddisfatti.

Mamma e papà sono invitati a spogliarsi dalle abituali zavorre e attivare uno sguardo nuovo e di autoanalisi attraverso diverse prospettive e domande.

 Quando e come si manifestano i capricci?

Tutto sembra dipendere dall’interpretazione personale dei genitori, che ne individuano tre elementi ricorrenti:

  • la componente emotiva
  • la componente motoria
  • l’intenzionalità)

La dottoressa riporta che i genitori raccontano un coinvolgimento che spesso li altera provocando reazioni di cui poi si pentono.

Chi  manifesta i capricci?

Dal confronto tra il modo di agire dei genitori (impulsivo, aggressivo, irragionevole) e quello dei figli emergono troppe similitudini.
Anche i figli infatti restano coinvolti e turbati dai capricci dei genitori e reagiscono con gesti, emozioni e parole che ricordano tanto quelle di mamma e papà.

La bacchetta magica leva-capricci

Quando tutti questi capricci si incontrano o scontrano, servirebbe proprio una bacchetta magica leva-capricci!

In realtà ai genitori non servono strumenti magici, ma sguardi non giudicanti e rinnovate prospettive per accogliere, comprendere e gestire ciò che viene loro consegnato: una voglia sfrenata di crescere combinata ad un immaturo sistema nervoso.
mamma e papà non fate i capricci

Il capriccio è un appello rivolto agli adulti, che possono rifiutare di ascoltare o accogliere, sintonizzandosi sui loro canali comunicativi, mettendo in discussione tante certezze, accogliendo il loro modo diverso di sentire, crescendo con loro.

I bambini non sfidano, non scelgono di essere irrazionali, semplicemente non potrebbero essere altrimenti: l’acerba struttura cerebrale giustifica i corto-circuiti alla base di tante crisi rabbiose, musi o pianti; è limitata la loro capacità auto-regolativa, che matura con la pratica e l’osservazione del modo di pensare, vivere e gestire le emozioni delle figure principali di riferimento.

Come si fa allora?

Tenere il broncio, urlare, sculacciare o mortificare sono spesso comportamenti inconsciamente appresi o reazioni impulsive e reattive per concludere quanto prima il capriccio anziché esplorarne il senso esistenziale e relazionale.

E quando un bambino percepisce che i genitori non sono in grado di governare le sue manifestazioni continua a riproporre la sua disperata ricerca di qualcuno che lo possa contenere e aiutare

I genitori possiedono già tutti gli strumenti per migliorare i rapporti con i figli, è sufficiente sospendere la pretesa che i figli parlino la loro lingua e comprendano le loro esigenze.
Se ci si limita a catalogare il comportamento del bambino come capriccioso non si coglie il reale significato e la ricchezza di tutto ciò che ci comunica: desideri, gusti, dolori, emozioni e bisogni che cercano aiuto, guida e protezione.

Ridimensionare condizionamenti e aspettative, verso il proprio figlio ma anche verso se stesso, permette a mamme e papà di instaurare una relazione autentica e rispettosa con tutti i membri della sua famiglia.

E questo è molto meglio di una bacchetta magica!

Buona lettura e riflessione!


Ringrazio per la disponibilità l’autrice del libro la dott.ssa Mirna Zambelli
348 360 5319
mirnazambelli@libero.it
Pagina Facebook

Il libro è acquistabile dallo shop qui
mamma e papà non fate i capricci


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087