fbpx

Una tigre all’ora del tè

Una tigre all’ora del tè

Una tigre all’ora del tè

E se un giorno qualunque, durante l’ora del tè, una tigre enorme bussasse alla porta di casa e si unisse al rito della merenda?

Per la prima volta arriva in Italia un classico della letteratura inglese, firmato nel 1968 dall’autrice di “Quando Hitler rubò il coniglio rosa”: Judith Kerr ci racconta una storia che è solo all’apparenza semplice e surreale. Infatti, nell’esagerazione che piace tanto ai bimbi, nasconde una profonda metafora dell’accoglienza (la tigre simboleggia il diverso, che viene accolto con cortesia e si unisce al convivio). Probabilmente il racconto è una rielaborazione della paure infantili della Kerr, costretta dai nazisti ad abbandonare Berlino e fuggire a Londra con la famiglia. Le illustrazioni hanno sapore vintage; si possono infatti osservare le porcellane, gli oggetti casalinghi, i capi di abbigliamento in perfetto stile sixties. Da notare sono anche le espressioni miti e gentili dei protagonisti dell’albo, anche della tigre.

La storia è essenziale quanto irreale: un giorno, all’ora del tè, una grande tigre bussa alla porta e si autoinvita a fare merenda con Sophie e sua mamma. Golosissima in breve tempo divora tutti i biscotti, beve tutto il tè, tutta la birra del papà, anche tutta l’acqua del lavandino, esaurendo in pochi minuti tutta la dispensa della famiglia. Soddisfatta e con la pancia piena, la tigre saluta e se ne va, lasciando come unica prova della sua visita un o straordinario disordine e niente da cucinare. Chissà se il papà crederà alla storia che mamma e Sophie gli racconteranno appena tornato da lavoro?

Insieme a Una tigre all’ora del tè, sempre firmato da Judith Kerr e sempre edito da Mondadori, nel 2016 è uscito anche Mog la gatta distratta, primo di una fortunatissima serie che ha per protagonista una gattona particolarmente sbadata. Mog è un classico in Inghilterra e anche qui l’autrice si è divertita a far entrare ancora una volta in contatto umani e animali, che finiscono sempre per mettere a soqquadro stanze e case.

Ringrazio per questo suggerimento di lettura:

La Libreria dei Ragazzi di Brescia
via S. Bartolomeo, 15
Tel. 030-3099737
brescia@lalibreriadeiragazzi.it
www.lalibreriadeiragazzi.it/brescia


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

Una tigre all’ora del tè

E se un giorno qualunque, durante l’ora del tè, una tigre enorme bussasse alla porta di casa e si unisse al rito della merenda?

Per la prima volta arriva in Italia un classico della letteratura inglese, firmato nel 1968 dall’autrice di “Quando Hitler rubò il coniglio rosa”: Judith Kerr ci racconta una storia che è solo all’apparenza semplice e surreale. Infatti, nell’esagerazione che piace tanto ai bimbi, nasconde una profonda metafora dell’accoglienza (la tigre simboleggia il diverso, che viene accolto con cortesia e si unisce al convivio). Probabilmente il racconto è una rielaborazione della paure infantili della Kerr, costretta dai nazisti ad abbandonare Berlino e fuggire a Londra con la famiglia. Le illustrazioni hanno sapore vintage; si possono infatti osservare le porcellane, gli oggetti casalinghi, i capi di abbigliamento in perfetto stile sixties. Da notare sono anche le espressioni miti e gentili dei protagonisti dell’albo, anche della tigre.

La storia è essenziale quanto irreale: un giorno, all’ora del tè, una grande tigre bussa alla porta e si autoinvita a fare merenda con Sophie e sua mamma. Golosissima in breve tempo divora tutti i biscotti, beve tutto il tè, tutta la birra del papà, anche tutta l’acqua del lavandino, esaurendo in pochi minuti tutta la dispensa della famiglia. Soddisfatta e con la pancia piena, la tigre saluta e se ne va, lasciando come unica prova della sua visita un o straordinario disordine e niente da cucinare. Chissà se il papà crederà alla storia che mamma e Sophie gli racconteranno appena tornato da lavoro?

Insieme a Una tigre all’ora del tè, sempre firmato da Judith Kerr e sempre edito da Mondadori, nel 2016 è uscito anche Mog la gatta distratta, primo di una fortunatissima serie che ha per protagonista una gattona particolarmente sbadata. Mog è un classico in Inghilterra e anche qui l’autrice si è divertita a far entrare ancora una volta in contatto umani e animali, che finiscono sempre per mettere a soqquadro stanze e case.

Ringrazio per questo suggerimento di lettura:

La Libreria dei Ragazzi di Brescia
via S. Bartolomeo, 15
Tel. 030-3099737
brescia@lalibreriadeiragazzi.it
www.lalibreriadeiragazzi.it/brescia


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087