fbpx

La leggenda delle Tavine di Salò

La leggenda delle Tavine di Salò

Oggi andiamo a conoscere la leggenda delle Tavine di Salò.

Tantissime sono le tradizioni e le leggende antiche di ogni territorio.
Non ne è da meno chiaramente il lago di Garda che nei tempi antichi era popolato anche da esseri nascosti fra i golfi, creature che abitavano il sottobosco o fra le colline.

Figure che vivevano dentro l’acqua e che da sempre spiavano le persone.
Nel tempo queste creature hanno iniziato a mostrarsi non solo ai cantori e agli artisti, ma anche alle persone comuni che diventavano attori delle leggende e delle favole locali che pian piano iniziavano a diffondersi
nella memoria dei salodiani.

Concorso: la leggenda delle Tavine

Per Carnevale è attivo un contest per realizzare la maschera di Carnevale più creativa ispirata proprio alla leggenda delle Tavine che trovi qui sotto in collaborazione con Infopoint Salo, Visit Salò e la biblioteca di Salò.

Come funziona il concorso?

  1. leggi la leggenda delle Tavine
  2. realizza la maschera di Carnevale (puoi prendere ispirazione dalle istruzioni nelle foto qui sotto)
  3. invia la tua maschera a infopoint.salo@provincia.brescia.it entro e non oltre il 14 febbraio 2021

Il giorno 16 febbraio, verranno decretate le 10 maschere più belle e originali!

Partecipa al contest!

Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
contest maschera delle Tavine Salò
contest maschera delle Tavine Salò

Scopri i vincitori del contest

Clicca sull’immagine per scoprire le più belle maschere realizzate dai bambini per Carnevale legate alla leggenda delle Tavine

Leggenda delle Tavine

Dove si trova Tavine

Tavine, non è un luogo di fantasia, ma da sempre identifica una contrada, ovvero una località, a sud della città di Salò.
Oggi corrisponde in particolare alla via Tavine, in zona del cimitero fino all’ area attorno alla Fonte Tavina in cui, fino ad un tempo recente, aveva la propria sede l’omonima industria di imbottigliamento di acqua.

La  collina che abbraccia a sud il golfo di Salò era un tempo ricca di chiari ruscelli che scendevano gorgogliando a valle.

Secondo la leggenda questa collina fosse abitata da creature fantastiche e fosse luogo di ritrovo di Napee (cioè le fate dei prati e delle valli) Ninfe e Driadi (le fate dei boschi)

La leggenda delle Tavine di Salò

La leggenda delle Tavine

La leggenda cui si fa maggiormente riferimento è quella scritta da  Giuseppe Milio Voltolina in “La coltivazione degli orti”  e poi ripresa da molti.

Nel suo poema  l’autore mette in scena una Napea, cioè la fata dei prati  descrivendola così:

“la vezzosa
Tavine glauca il piè, verde la chioma,
argenteo il petto, queste fonti tenne,
E ogn’altra Ninfa sorpassò in bellezza”

Tra tutte le creature che abitavano la località di Tavine ce n’era una particolarmente bella che superava tutte, era proprio l’incantevole Tavine
Tavine aveva lunghe trecce bionde e occhi azzurri e soprattutto era di una bellezza straordinaria.
Questa Ninfa era talmente bella che fece innamorare a prima vista di sé Benàco, il dio del Lago di Garda che era figlio della Ninfa Berenice (figlia di Venere) e del dio del mare Nettuno.

Benàco cominciò a corteggiarla, ma Tavine si mostrò subito indifferente alle sue lusinghe perchè innamorata del giovane pastore Cisso, con il quale si incontrava solitamente nei boschi
Quando scoprì tutto ciò, Benàco, follemente innamorato, fu travolto da una rabbia cieca.

Cercò i due amanti, li sorprese insieme e, gelossissimo, trafisse Cisso con il tridente donatogli da padre Nettuno, poi, si immerse ancora pieno d’ira nel lago.
Tavine, dopo aver visto morire l’amato pastore, decise di morire a sua volta.

Altri dèi assistettero a tutto e, mossi a pietà, la fecero addormentare profondamente. Lentamente i piedi della Ninfa si fusero con il terreno  radici,  il suo corpo divenne un tronco d’albero,  le braccia rami sottili e i suoi capelli verdi fronde.
Così Tavine si trasformò in un salice.

Allo stesso tempo, le spoglie ancora sanguinanti di Cisso si trasformarono in rami d’edera che si strinsero al salice li accanto.
In questo modo, secondo la leggenda, nessuno potè più dividere i due innamorati.

La leggenda delle Tavine di Salò


Tavine, illustrazione di Greta Zaniboni tratta dal libro Fantastico Garda di Simona Cremonini
Foto arancione, by visit Salò sculture Ninfe di Angiolino Aime, esposte all’esterno del Mu.Sa Museo di Salò
Illustrazione ninfe che si pettinano di Arthur Rackman


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

Oggi andiamo a conoscere la leggenda delle Tavine di Salò.

Tantissime sono le tradizioni e le leggende antiche di ogni territorio.
Non ne è da meno chiaramente il lago di Garda che nei tempi antichi era popolato anche da esseri nascosti fra i golfi, creature che abitavano il sottobosco o fra le colline.

Figure che vivevano dentro l’acqua e che da sempre spiavano le persone.
Nel tempo queste creature hanno iniziato a mostrarsi non solo ai cantori e agli artisti, ma anche alle persone comuni che diventavano attori delle leggende e delle favole locali che pian piano iniziavano a diffondersi
nella memoria dei salodiani.

Concorso: la leggenda delle Tavine

Per Carnevale è attivo un contest per realizzare la maschera di Carnevale più creativa ispirata proprio alla leggenda delle Tavine che trovi qui sotto in collaborazione con Infopoint Salo, Visit Salò e la biblioteca di Salò.

Come funziona il concorso?

  1. leggi la leggenda delle Tavine
  2. realizza la maschera di Carnevale (puoi prendere ispirazione dalle istruzioni nelle foto qui sotto)
  3. invia la tua maschera a infopoint.salo@provincia.brescia.it entro e non oltre il 14 febbraio 2021

Il giorno 16 febbraio, verranno decretate le 10 maschere più belle e originali!

Partecipa al contest!

Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
Concorso maschere delle tavine
contest maschera delle Tavine Salò
contest maschera delle Tavine Salò

Scopri i vincitori del contest

Clicca sull’immagine per scoprire le più belle maschere realizzate dai bambini per Carnevale legate alla leggenda delle Tavine

Leggenda delle Tavine

Dove si trova Tavine

Tavine, non è un luogo di fantasia, ma da sempre identifica una contrada, ovvero una località, a sud della città di Salò.
Oggi corrisponde in particolare alla via Tavine, in zona del cimitero fino all’ area attorno alla Fonte Tavina in cui, fino ad un tempo recente, aveva la propria sede l’omonima industria di imbottigliamento di acqua.

La  collina che abbraccia a sud il golfo di Salò era un tempo ricca di chiari ruscelli che scendevano gorgogliando a valle.

Secondo la leggenda questa collina fosse abitata da creature fantastiche e fosse luogo di ritrovo di Napee (cioè le fate dei prati e delle valli) Ninfe e Driadi (le fate dei boschi)

La leggenda delle Tavine di Salò

La leggenda delle Tavine

La leggenda cui si fa maggiormente riferimento è quella scritta da  Giuseppe Milio Voltolina in “La coltivazione degli orti”  e poi ripresa da molti.

Nel suo poema  l’autore mette in scena una Napea, cioè la fata dei prati  descrivendola così:

“la vezzosa
Tavine glauca il piè, verde la chioma,
argenteo il petto, queste fonti tenne,
E ogn’altra Ninfa sorpassò in bellezza”

Tra tutte le creature che abitavano la località di Tavine ce n’era una particolarmente bella che superava tutte, era proprio l’incantevole Tavine
Tavine aveva lunghe trecce bionde e occhi azzurri e soprattutto era di una bellezza straordinaria.
Questa Ninfa era talmente bella che fece innamorare a prima vista di sé Benàco, il dio del Lago di Garda che era figlio della Ninfa Berenice (figlia di Venere) e del dio del mare Nettuno.

Benàco cominciò a corteggiarla, ma Tavine si mostrò subito indifferente alle sue lusinghe perchè innamorata del giovane pastore Cisso, con il quale si incontrava solitamente nei boschi
Quando scoprì tutto ciò, Benàco, follemente innamorato, fu travolto da una rabbia cieca.

Cercò i due amanti, li sorprese insieme e, gelossissimo, trafisse Cisso con il tridente donatogli da padre Nettuno, poi, si immerse ancora pieno d’ira nel lago.
Tavine, dopo aver visto morire l’amato pastore, decise di morire a sua volta.

Altri dèi assistettero a tutto e, mossi a pietà, la fecero addormentare profondamente. Lentamente i piedi della Ninfa si fusero con il terreno  radici,  il suo corpo divenne un tronco d’albero,  le braccia rami sottili e i suoi capelli verdi fronde.
Così Tavine si trasformò in un salice.

Allo stesso tempo, le spoglie ancora sanguinanti di Cisso si trasformarono in rami d’edera che si strinsero al salice li accanto.
In questo modo, secondo la leggenda, nessuno potè più dividere i due innamorati.

La leggenda delle Tavine di Salò


Tavine, illustrazione di Greta Zaniboni tratta dal libro Fantastico Garda di Simona Cremonini
Foto arancione, by visit Salò sculture Ninfe di Angiolino Aime, esposte all’esterno del Mu.Sa Museo di Salò
Illustrazione ninfe che si pettinano di Arthur Rackman


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087