fbpx

Protezione solare? Anche l’occhio vuole la sua parte

Protezione solare? Anche l’occhio vuole la sua parte
  • Home
  • Blog
  • Salute
  • Protezione solare? Anche l’occhio vuole la sua parte

All’aria aperta per stimolare la nostra vi(s)ta

Il gioco all’aria aperta migliora la salute (visiva) dei nostri bambini.
Lo dicono i pediatri, lo dicono i medici oculisti, lo dice la scienza.

Come?
Innanzitutto favorisce lo sviluppo delle abilità “visuo-spaziali” grazie all’utilizzo del campo visivo e dei movimenti oculari, fondamentali per la coordinazione motoria e l’orientamento.

Ma non è finita qui.
La parte più interessante viene ora: molti infatti non sanno che l’esposizione ai raggi solari è considerata “fattore protettivo” nei confronti dello sviluppo della miopia, il più frequente difetto visivo presente oggi nel Mondo.

La miopia causa visione sfocata da lontano e riguarda oltre il 30% della popolazione italiana.

Sembra proprio, a sentire i massimi esperti sull’argomento, che il regolare sviluppo dell’occhio passi anche dalla quotidiana esposizione ai raggi solari.

Una esposizione di 2-3 ore al giorno stimolerebbe, infatti, il neurotrasmettitore “dopamina” a rilasciare nell’organismo sostanze (ormonali) che impedirebbero l’allungamento del bulbo oculare (fattore preponderante nell’esordio della miopia).

Attenzione all’esposizione diretta.

La luce solare, infatti, è formata da diverse lunghezze d’onda, alcune delle quali possono causare danni permanenti agli occhi, a maggior ragione se l’esposizione è prolungata.
Mi riferisco, in particolare, alle lunghezze d’onda ad alta energia note come UVA ed UVB, che sono in grado di penetrare facilmente attraverso il cristallino, ancora fragile ed immaturo, dei più piccoli.
Per questo motivo consiglio sempre ai genitori di iniziare a proteggere gli occhi dei loro bambini con i giusti occhiali da sole, a partire dai primi giri in passeggino!

Occhiali da sole per bambini: sono tutti uguali?

La buona notizia è che oggi esistono tantissimi occhiali da sole dedicati a neonati e bambini.
Per scegliere quelli giusti, è bene tenere a mente che:

  • la montatura deve essere adatta: esistono materiali siliconici anallergici, morbidi e flessibili.
  • per garantire protezione 100% da UVA e UVB non importa la gradazione di colore, quanto piuttosto la categoria dei filtri colorati. E’ importante che le lenti siano certificate (UNI EN ISO 12312) e di categoria 3.
  • le lenti polarizzate sono la scelta top: rispetto alle comuni lenti da sole, garantiscono protezione totale dai raggi di luce riflessi dalle superfici (come l’acqua o la neve) e sono quindi consigliate durante le gite in montagna ed al mare.

Ora che sai come proteggere adeguatamente gli occhi del tuo bambino/a, puoi accompagnarlo/a al parco o organizzare delle scampagnate all’aria aperta in tutta sicurezza:

“Sun is good, sunwear is good too.”


Ringrazio per questo articolo:
Dr. Federico Loda
Si occupa di optometria, ottica e visual training per: istituti sanitari, centri multidisciplinari per l’età evolutiva e studi privati.
Dal 2018 è store manager di Loda -Centro ottico 954-.
E’ relatore/speaker in corsi di aggiornamento professionale.

Profilo Instagram
Pagina Facebook
Pagina LinkedIn


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

All’aria aperta per stimolare la nostra vi(s)ta

Il gioco all’aria aperta migliora la salute (visiva) dei nostri bambini.
Lo dicono i pediatri, lo dicono i medici oculisti, lo dice la scienza.

Come?
Innanzitutto favorisce lo sviluppo delle abilità “visuo-spaziali” grazie all’utilizzo del campo visivo e dei movimenti oculari, fondamentali per la coordinazione motoria e l’orientamento.

Ma non è finita qui.
La parte più interessante viene ora: molti infatti non sanno che l’esposizione ai raggi solari è considerata “fattore protettivo” nei confronti dello sviluppo della miopia, il più frequente difetto visivo presente oggi nel Mondo.

La miopia causa visione sfocata da lontano e riguarda oltre il 30% della popolazione italiana.

Sembra proprio, a sentire i massimi esperti sull’argomento, che il regolare sviluppo dell’occhio passi anche dalla quotidiana esposizione ai raggi solari.

Una esposizione di 2-3 ore al giorno stimolerebbe, infatti, il neurotrasmettitore “dopamina” a rilasciare nell’organismo sostanze (ormonali) che impedirebbero l’allungamento del bulbo oculare (fattore preponderante nell’esordio della miopia).

Attenzione all’esposizione diretta.

La luce solare, infatti, è formata da diverse lunghezze d’onda, alcune delle quali possono causare danni permanenti agli occhi, a maggior ragione se l’esposizione è prolungata.
Mi riferisco, in particolare, alle lunghezze d’onda ad alta energia note come UVA ed UVB, che sono in grado di penetrare facilmente attraverso il cristallino, ancora fragile ed immaturo, dei più piccoli.
Per questo motivo consiglio sempre ai genitori di iniziare a proteggere gli occhi dei loro bambini con i giusti occhiali da sole, a partire dai primi giri in passeggino!

Occhiali da sole per bambini: sono tutti uguali?

La buona notizia è che oggi esistono tantissimi occhiali da sole dedicati a neonati e bambini.
Per scegliere quelli giusti, è bene tenere a mente che:

  • la montatura deve essere adatta: esistono materiali siliconici anallergici, morbidi e flessibili.
  • per garantire protezione 100% da UVA e UVB non importa la gradazione di colore, quanto piuttosto la categoria dei filtri colorati. E’ importante che le lenti siano certificate (UNI EN ISO 12312) e di categoria 3.
  • le lenti polarizzate sono la scelta top: rispetto alle comuni lenti da sole, garantiscono protezione totale dai raggi di luce riflessi dalle superfici (come l’acqua o la neve) e sono quindi consigliate durante le gite in montagna ed al mare.

Ora che sai come proteggere adeguatamente gli occhi del tuo bambino/a, puoi accompagnarlo/a al parco o organizzare delle scampagnate all’aria aperta in tutta sicurezza:

“Sun is good, sunwear is good too.”


Ringrazio per questo articolo:
Dr. Federico Loda
Si occupa di optometria, ottica e visual training per: istituti sanitari, centri multidisciplinari per l’età evolutiva e studi privati.
Dal 2018 è store manager di Loda -Centro ottico 954-.
E’ relatore/speaker in corsi di aggiornamento professionale.

Profilo Instagram
Pagina Facebook
Pagina LinkedIn


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087