fbpx

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica che colpisce mediamente 1 bambino ogni 1.000.

Nelle maggior parte dei casi ed è poco evidente nei primissimi anni di vita ma diventa sempre più visibile con la crescita.
Il petto escavato è causato da un eccessiva crescita delle cartilagini costali che spingono posterirmente lo sterno che ne risulta infossato al di sotto del piano costale anteriore. A causa di questa anomalia la distanza tra sterno e rachide si riduce, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

La causa è sconosciuta; sebbene in alcuni casi possa essere associato a malattie del connettivo quali la Sindrome di Marfan o ad altre malformazioni della parete toracica quali la scoliosi e la sindrome di Poland, il PE è frequentemente una patologia isolata

petto-escvato-benvenuti-diagnosi

Nei casi meno accentuati il PE non provoca alcuna sintomatologia grave.

E’ piuttosto l’alterazione della percezione dell’immagine del proprio corpo che può provocare significativi problemi psicologici, perdita di autostima e gravi problemi relazionali. Gli adolescenti che ne sono affetti rifiutano di spogliarsi durante le attività a dorso nudo in piscina, al mare non potendo nascondere il problema. Pertanto il problema, anche in assenza di sintomatologia, può richiederne il trattamento chirurgico.

Nei casi più accentuati, la riduzione della distanza tra sterno e rachide provoca il dislocamento del cuore verso sinistra con una sua certa rotazione in senso orario; il cuore può risultare compresso con disturbi cardiaci e facile affaticabilità. In altri casi la riduzione del volume toracico può provocare disturbi respiratori.
Se presenti disturbi del ritmo cardiaco, difficoltà respiratorie durante lo sforzo, facile affaticabilità o dolore toracico l’intervento chirurgico diventa necessario.

Diagnosi Pectus Excavatum

Alla diagnosi di PE si giunge attraverso l’esame obiettivo. E’ caratteristica la depressione sternale, le spalle curve in avanti e l’addome prominenete. Considerata la sintomatologia correlata è necessario eseguire la valutazione della funzionalità respiratoria e lo studio ecografico del cuore.
L’entità della malformazione si evince da una radiografia del torace in laterolaterale ma è fondamentale lo studio con la tomografia computerizzata del rapporto tra larghezza del torace su distanza tra il rachide e lo sterno, detto indice di Haller che nel paziente normale è circa 2.
Se l’indice di Haller è 3,2 o superiore il PE è di grado severo. Lo studio con la TAC ci permette anche di valutare il grado di compressione e di dislocamento cardiaco e la presenza di asimmetrie delle cartilagini costali.
petto-escavato-benveuti-indice-heller

La Terapia

Non ci sono evidenze che l’esercizio fisico o posturale possa effettivamente migliorare la deformazione delle cartilagini. Pertanto, constato un graduale peggioramento del problema, è opportuno approcciare il problema valutando la terapia migliore, quella conservativa o quella chirurgica:

Terapia conservativa

L’applicazione di specifiche ventose: ne esistono di diversi diametri e conformazioni in funzione dell’età e dell’altezza del paziente. Applicate al torace anteriore, al di sopra dello sterno, Il loro scopo è quello di creare un’aspirazione che favorisca la graduale estroflessione dello sterno.

E’ un presidio utile solo nei casi in cui il problema sia di entità minore. L’efficacia di tali presidi è però direttamente proporzionale al tempo di utilizzo.
I maggiori benefici si ottengono se il trattamento è eseguito sui pazienti giovani, quando il torace è ancora “malleabile” in modo che la depressione esercitata possa permettere una graduale correzione durante lo sviluppo osseo e cartilagineo.
Con il progredire dell’età i successi terapeutici vanno quindi riducendosi. Purtroppo non tutti i pazienti tollerano tali presidi sia per la depressione esercitata dallo stesso sullo sterno sia per la scarsa compliance adolescenziale.

Terapia chirurgica

Le tecniche chirurgiche sono diverse, più o meno invasive, ma hanno tutte l’obiettivo di ridurre la protrusione della cartilagini e piegare all’esterno il corpo sternale.
Tali procedure devono essere studiate, programmate e poi realizzate in funzione del tipo di deformità riscontrata.

La tecnica più conosciuta è quella di Ravitch (1952) poi modificata dallo stesso Ravitch e da altri autori che hanno proposto interventi meno demolitivi La tecnica prevede la sezione trasversale dello sterno e la resezione e l’asportazione di alcuni segmenti di cartilagini costali rispettando il pericondrio, ossia di quella lamina che avvolge le cartilagini, che deve essere suturato per permettere di correggere la deformità delle stesse, seguiti dall’applicazione temporanea di una barra metallica retrosternale (Sternocondroplastica).
L’intervento richiede un’incisione mediana o trasversale sottomammaria bilaterale.

Altra tecnica nota e meno invasiva è la tecnica mini-invasiva di Nuss pubblicata nel 1998 che ha la particolarità di non richiedere resezioni costali o sternali, né incisione nella regione mediana dello sterno. La tecnica di Nuss prevede il passaggio di una barra metallica sotto lo sterno così da sollevarlo.
Una piccola incisione di 5mm viene praticata a livello ascellare destro, per introdurre il toracoscopio (una piccola telecamera). Valutata l’entità del problema e il sito migliore per l’inserimento della barra, vengono eseguite due piccole incisioni ai lati del torace che permettono di introdurre, da destra, una sonda metallica nello spazio intercostale selezionato, creando un tunnel tra il sacco che avvolge il cuore (pericardio) e parete posteriore dello sterno, fino a raggiungere lo spazio intercostale selezionato, sulla sinistra.

Nello spazio creato dalla sonda viene poi inserita la barra sagomata in posizione concava. La rotazione di 180°della barra stessa le farà assumere la definitiva posizione convessa tale da spingere in fuori lo sterno e correggere la deformità sternale. Le estremità della barra vengono alloggiate nel sottocute al di sopra del piano costale ed eventualmente fissate con l’utilizzo di alcuni stabilizzatori suturati alle coste.

Al termine della crescita, a maturazione ossea completata, la barra verrà rimossa in anestesia generale praticando una piccola incisione al di sopra dell’area di fissazione alle coste.

petto-escavato-benvenuti-terapia

Gli approcci chirurgici potrebbero essere purtroppo dolorosi ma la terapia antalgica posta in essere già in sala opertoria è in grado di rendere il decorso tollerabile.
Affinchè le cartilagini e le zone di osteotomia sternale si saldino è necessario un breve periodo di qualche giorno a letto o in poltrona seguito da un lungo periodo di astensione dall’attività fisica che dipende dalla tecnica utilizzata (2-6 mesi). Entro sei mesi dall’intervento è possibile il ritorno alle normali attività sportive ad eccezione degli sport di contatto.

Ringrazio per questo articolo
Dott. Benvenuti Stefano
Chirurgo Pediatra
U.O.C. Chirurgia Pediatrica
Ospedale dei Bambini
ASST: Spedali Civili di Brescia


Potrebbe anche interessarti:
Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Analisi e risoluzioni delle possibili alterazioni del processo di migrazione testicolare nei bambini

Leggi tutto

L'ernia inguinale in età pediatrica

L'ernia inguinale in età pediatrica

L’ernia inguinale è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia, soprattutto durante i primi 3 mesi di vita.

Leggi tutto

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro (SIP) è caratterizzata dall’ostruzione meccanica di natura ignota del piloro, ossia di quella valvola posta tra lo stomaco e il duodeno.

Leggi tutto

La fimosi nel bambino

La fimosi nel bambino

Per fimosi si intende un restringimento del prepuzio, ossia del foglietto muco-cutaneo retrattile che avvolge il glande, da non permetterne l’agevole scopertura.

Leggi tutto

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Reflusso, ovvero quando la valvola tra esofago e stomaco non funziona bene e si apre quando non dovrebbe.

Leggi tutto

Il petto carenato

Il petto carenato

Il petto carenato (PC) è una deformità della parete toracica caratterizzata da una sporgenza dello sterno e delle cartilagini costali che fanno assomigliare lo sterno alla prua di una barca

Leggi tutto

L'appendicite

L'appendicite

L’appendicite è un’infezione dell’appendice vermiforme, ossia di quel piccolo tratto di intestino a fondo cieco, connesso alla prima parte del colon.

Leggi tutto

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica causata da un'anomala ridotta la distanza tra sterno e rachide, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

Leggi tutto

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Approfondimento del dott. Benvenuti sul varicocele per conoscerne cause, implicazioni e soluzioni

Leggi tutto

L'idrocele nel bambino

L'idrocele nel bambino

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

Leggi tutto


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica che colpisce mediamente 1 bambino ogni 1.000.

Nelle maggior parte dei casi ed è poco evidente nei primissimi anni di vita ma diventa sempre più visibile con la crescita.
Il petto escavato è causato da un eccessiva crescita delle cartilagini costali che spingono posterirmente lo sterno che ne risulta infossato al di sotto del piano costale anteriore. A causa di questa anomalia la distanza tra sterno e rachide si riduce, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

La causa è sconosciuta; sebbene in alcuni casi possa essere associato a malattie del connettivo quali la Sindrome di Marfan o ad altre malformazioni della parete toracica quali la scoliosi e la sindrome di Poland, il PE è frequentemente una patologia isolata

petto-escvato-benvenuti-diagnosi

Nei casi meno accentuati il PE non provoca alcuna sintomatologia grave.

E’ piuttosto l’alterazione della percezione dell’immagine del proprio corpo che può provocare significativi problemi psicologici, perdita di autostima e gravi problemi relazionali. Gli adolescenti che ne sono affetti rifiutano di spogliarsi durante le attività a dorso nudo in piscina, al mare non potendo nascondere il problema. Pertanto il problema, anche in assenza di sintomatologia, può richiederne il trattamento chirurgico.

Nei casi più accentuati, la riduzione della distanza tra sterno e rachide provoca il dislocamento del cuore verso sinistra con una sua certa rotazione in senso orario; il cuore può risultare compresso con disturbi cardiaci e facile affaticabilità. In altri casi la riduzione del volume toracico può provocare disturbi respiratori.
Se presenti disturbi del ritmo cardiaco, difficoltà respiratorie durante lo sforzo, facile affaticabilità o dolore toracico l’intervento chirurgico diventa necessario.

Diagnosi Pectus Excavatum

Alla diagnosi di PE si giunge attraverso l’esame obiettivo. E’ caratteristica la depressione sternale, le spalle curve in avanti e l’addome prominenete. Considerata la sintomatologia correlata è necessario eseguire la valutazione della funzionalità respiratoria e lo studio ecografico del cuore.
L’entità della malformazione si evince da una radiografia del torace in laterolaterale ma è fondamentale lo studio con la tomografia computerizzata del rapporto tra larghezza del torace su distanza tra il rachide e lo sterno, detto indice di Haller che nel paziente normale è circa 2.
Se l’indice di Haller è 3,2 o superiore il PE è di grado severo. Lo studio con la TAC ci permette anche di valutare il grado di compressione e di dislocamento cardiaco e la presenza di asimmetrie delle cartilagini costali.
petto-escavato-benveuti-indice-heller

La Terapia

Non ci sono evidenze che l’esercizio fisico o posturale possa effettivamente migliorare la deformazione delle cartilagini. Pertanto, constato un graduale peggioramento del problema, è opportuno approcciare il problema valutando la terapia migliore, quella conservativa o quella chirurgica:

Terapia conservativa

L’applicazione di specifiche ventose: ne esistono di diversi diametri e conformazioni in funzione dell’età e dell’altezza del paziente. Applicate al torace anteriore, al di sopra dello sterno, Il loro scopo è quello di creare un’aspirazione che favorisca la graduale estroflessione dello sterno.

E’ un presidio utile solo nei casi in cui il problema sia di entità minore. L’efficacia di tali presidi è però direttamente proporzionale al tempo di utilizzo.
I maggiori benefici si ottengono se il trattamento è eseguito sui pazienti giovani, quando il torace è ancora “malleabile” in modo che la depressione esercitata possa permettere una graduale correzione durante lo sviluppo osseo e cartilagineo.
Con il progredire dell’età i successi terapeutici vanno quindi riducendosi. Purtroppo non tutti i pazienti tollerano tali presidi sia per la depressione esercitata dallo stesso sullo sterno sia per la scarsa compliance adolescenziale.

Terapia chirurgica

Le tecniche chirurgiche sono diverse, più o meno invasive, ma hanno tutte l’obiettivo di ridurre la protrusione della cartilagini e piegare all’esterno il corpo sternale.
Tali procedure devono essere studiate, programmate e poi realizzate in funzione del tipo di deformità riscontrata.

La tecnica più conosciuta è quella di Ravitch (1952) poi modificata dallo stesso Ravitch e da altri autori che hanno proposto interventi meno demolitivi La tecnica prevede la sezione trasversale dello sterno e la resezione e l’asportazione di alcuni segmenti di cartilagini costali rispettando il pericondrio, ossia di quella lamina che avvolge le cartilagini, che deve essere suturato per permettere di correggere la deformità delle stesse, seguiti dall’applicazione temporanea di una barra metallica retrosternale (Sternocondroplastica).
L’intervento richiede un’incisione mediana o trasversale sottomammaria bilaterale.

Altra tecnica nota e meno invasiva è la tecnica mini-invasiva di Nuss pubblicata nel 1998 che ha la particolarità di non richiedere resezioni costali o sternali, né incisione nella regione mediana dello sterno. La tecnica di Nuss prevede il passaggio di una barra metallica sotto lo sterno così da sollevarlo.
Una piccola incisione di 5mm viene praticata a livello ascellare destro, per introdurre il toracoscopio (una piccola telecamera). Valutata l’entità del problema e il sito migliore per l’inserimento della barra, vengono eseguite due piccole incisioni ai lati del torace che permettono di introdurre, da destra, una sonda metallica nello spazio intercostale selezionato, creando un tunnel tra il sacco che avvolge il cuore (pericardio) e parete posteriore dello sterno, fino a raggiungere lo spazio intercostale selezionato, sulla sinistra.

Nello spazio creato dalla sonda viene poi inserita la barra sagomata in posizione concava. La rotazione di 180°della barra stessa le farà assumere la definitiva posizione convessa tale da spingere in fuori lo sterno e correggere la deformità sternale. Le estremità della barra vengono alloggiate nel sottocute al di sopra del piano costale ed eventualmente fissate con l’utilizzo di alcuni stabilizzatori suturati alle coste.

Al termine della crescita, a maturazione ossea completata, la barra verrà rimossa in anestesia generale praticando una piccola incisione al di sopra dell’area di fissazione alle coste.

petto-escavato-benvenuti-terapia

Gli approcci chirurgici potrebbero essere purtroppo dolorosi ma la terapia antalgica posta in essere già in sala opertoria è in grado di rendere il decorso tollerabile.
Affinchè le cartilagini e le zone di osteotomia sternale si saldino è necessario un breve periodo di qualche giorno a letto o in poltrona seguito da un lungo periodo di astensione dall’attività fisica che dipende dalla tecnica utilizzata (2-6 mesi). Entro sei mesi dall’intervento è possibile il ritorno alle normali attività sportive ad eccezione degli sport di contatto.

Ringrazio per questo articolo
Dott. Benvenuti Stefano
Chirurgo Pediatra
U.O.C. Chirurgia Pediatrica
Ospedale dei Bambini
ASST: Spedali Civili di Brescia


Potrebbe anche interessarti:
Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Reflusso, ovvero quando la valvola tra esofago e stomaco non funziona bene e si apre quando non dovrebbe.

Leggi tutto

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro (SIP) è caratterizzata dall’ostruzione meccanica di natura ignota del piloro, ossia di quella valvola posta tra lo stomaco e il duodeno.

Leggi tutto

Il petto carenato

Il petto carenato

Il petto carenato (PC) è una deformità della parete toracica caratterizzata da una sporgenza dello sterno e delle cartilagini costali che fanno assomigliare lo sterno alla prua di una barca

Leggi tutto

La fimosi nel bambino

La fimosi nel bambino

Per fimosi si intende un restringimento del prepuzio, ossia del foglietto muco-cutaneo retrattile che avvolge il glande, da non permetterne l’agevole scopertura.

Leggi tutto

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Approfondimento del dott. Benvenuti sul varicocele per conoscerne cause, implicazioni e soluzioni

Leggi tutto

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Analisi e risoluzioni delle possibili alterazioni del processo di migrazione testicolare nei bambini

Leggi tutto

L'idrocele nel bambino

L'idrocele nel bambino

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

Leggi tutto

L'appendicite

L'appendicite

L’appendicite è un’infezione dell’appendice vermiforme, ossia di quel piccolo tratto di intestino a fondo cieco, connesso alla prima parte del colon.

Leggi tutto

L'ernia inguinale in età pediatrica

L'ernia inguinale in età pediatrica

L’ernia inguinale è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia, soprattutto durante i primi 3 mesi di vita.

Leggi tutto

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica causata da un'anomala ridotta la distanza tra sterno e rachide, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

Leggi tutto


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087