fbpx

L’idrocele nel bambino

L’idrocele nel bambino

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

La causa è da ricercarsi in una mancata chiusura del dotto peritoneo-vaginale. Il dotto peritoneo-vaginale è un canale deputato alla discesa del testicolo nel sacco scrotale.

Il testicolo infatti, durante la vita embrionale, si forma in addome e, intorno alla 12° settimana di vita prenatale, si impegna nel canale inguinale fino a raggiungere lo scroto trascinando con se il peritoneo, membrana che riveste la cavità addominale, formando così uno sfondato che assomiglia ad un “dito di guanto” costituito appunto dal dotto peritoneo-vaginale (vedi “L’ernia inguinale nel bambino”).
idrocele-nel-bambino-articolo-benvenuti-per-bresciabimbi
Il dotto peritoneo-vaginale pertanto mette in comunicazione la cavità peritoneale, nella quale sono contenute le anse intestinali, con la vaginale del testicolo, membrana che avvolge il testicolo stesso una volta raggiunto lo scroto.
Tale dotto dovrebbe andare incontro a chiusura spontanea prima della nascita.
In caso contrario il liquido che mantiene bagnate le anse intestinali può fuoriuscire dalla cavità addominale e, attraverso il dotto, raggiungere lo scroto (idrocele comunicante).

Può capitare anche che il dotto peritoneo-vaginale si obliteri prossimalmente lasciando intrappolata una certa quantità di liquido (idrocele non comunicante). Da distinguersi dall’ernia che è  caratterizzato dalla discesa attraverso il dotto peritoneo-vaginale pervio di un ansa intestinale.

L’idrocele si presenta come una tumefazione scrotale non dolente, di dimensioni variabili.

Nell’idrocele comunicante le dimensioni possono variare nell’arco della giornata: solitamente alla sera è più voluminoso in quanto è maggiore la quantità di liquido disceso dalla cavità addominale mentre durante la notte, la posizione sdraiata, permette il ritorno del liquido in addome.

Normalmente l’idrocele non provoca alcun dolore.
Deve suscitare preoccupazione la presenza di dolore associato ad una tumefazione inguinale, segno di un impegno di un’ansa intestinale nel dotto peritoneo-vaginale come nell’ernia inguinale intasata (vedi “L’ernia inguinale nel bambino”).
In tal caso è opportuno recarsi prontamente presso un pronto soccorso dove il personale sanitario procederà alla riduzione dell’ernia e, in caso di insuccesso, all’erniectomia d’urgenza. Nel sospetto di un idrocele è necessaria la valutazione del bambino da parte di un chirurgo pediatra.

La diagnosi è esclusivamente clinica; non sono necessari accertamenti strumentali. Ci si può avvalere della transilluminazione (con una torcia posta a contatto dello scroto, per trasparenza, permetterà di vederne il contenuto liquido e il testicolo al suo interno).

Una volta confermata la diagnosi, lo specialista valuterà se e quando intervenire chirurgicamente.

Nei primi 1-2 anni di vita è possibile assistere alla chiusura spontanea del dotto peritoneo-vaginale e alla risoluzione dell’idrocele mentre, dopo tale età, il trattamento definitivo è esclusivamente chirurgico.

La resezione del dotto peritoneo-vaginale viene praticata, in anestesia generale, con una piccola incisione in sede inguinale; si procede quindi all’isolamento, legatura alla base e resezione del dotto, analogamente a quanto prevede l’erniectomia. Tale procedura, in maniera analoga può essere eseguita anche in laparoscopia. L’intervento è eseguibile, salvo in casi particolari, in regime di “Day Surgery” con dimissione in giornata.
Nel bambino sano non sono richiesti esami preoperatori.
La convalescenza è pressoché nulla in quanto il bambino può ritornare prontamente ad una vita normale.

Ringrazio per questo articolo
Dott. Benvenuti Stefano
Chirurgo Pediatra
U.O.C. Chirurgia Pediatrica
Ospedale dei Bambini
ASST: Spedali Civili di Brescia


Potrebbe anche interessarti:
La fimosi nel bambino

La fimosi nel bambino

Per fimosi si intende un restringimento del prepuzio, ossia del foglietto muco-cutaneo retrattile che avvolge il glande, da non permetterne l’agevole scopertura.

Leggi tutto

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Reflusso, ovvero quando la valvola tra esofago e stomaco non funziona bene e si apre quando non dovrebbe.

Leggi tutto

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica causata da un'anomala ridotta la distanza tra sterno e rachide, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

Leggi tutto

Il petto carenato

Il petto carenato

Il petto carenato (PC) è una deformità della parete toracica caratterizzata da una sporgenza dello sterno e delle cartilagini costali che fanno assomigliare lo sterno alla prua di una barca

Leggi tutto

L'idrocele nel bambino

L'idrocele nel bambino

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

Leggi tutto

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Approfondimento del dott. Benvenuti sul varicocele per conoscerne cause, implicazioni e soluzioni

Leggi tutto

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Analisi e risoluzioni delle possibili alterazioni del processo di migrazione testicolare nei bambini

Leggi tutto

L'appendicite

L'appendicite

L’appendicite è un’infezione dell’appendice vermiforme, ossia di quel piccolo tratto di intestino a fondo cieco, connesso alla prima parte del colon.

Leggi tutto

L'ernia inguinale in età pediatrica

L'ernia inguinale in età pediatrica

L’ernia inguinale è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia, soprattutto durante i primi 3 mesi di vita.

Leggi tutto

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro (SIP) è caratterizzata dall’ostruzione meccanica di natura ignota del piloro, ossia di quella valvola posta tra lo stomaco e il duodeno.

Leggi tutto


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

La causa è da ricercarsi in una mancata chiusura del dotto peritoneo-vaginale. Il dotto peritoneo-vaginale è un canale deputato alla discesa del testicolo nel sacco scrotale.

Il testicolo infatti, durante la vita embrionale, si forma in addome e, intorno alla 12° settimana di vita prenatale, si impegna nel canale inguinale fino a raggiungere lo scroto trascinando con se il peritoneo, membrana che riveste la cavità addominale, formando così uno sfondato che assomiglia ad un “dito di guanto” costituito appunto dal dotto peritoneo-vaginale (vedi “L’ernia inguinale nel bambino”).
idrocele-nel-bambino-articolo-benvenuti-per-bresciabimbi
Il dotto peritoneo-vaginale pertanto mette in comunicazione la cavità peritoneale, nella quale sono contenute le anse intestinali, con la vaginale del testicolo, membrana che avvolge il testicolo stesso una volta raggiunto lo scroto.
Tale dotto dovrebbe andare incontro a chiusura spontanea prima della nascita.
In caso contrario il liquido che mantiene bagnate le anse intestinali può fuoriuscire dalla cavità addominale e, attraverso il dotto, raggiungere lo scroto (idrocele comunicante).

Può capitare anche che il dotto peritoneo-vaginale si obliteri prossimalmente lasciando intrappolata una certa quantità di liquido (idrocele non comunicante). Da distinguersi dall’ernia che è  caratterizzato dalla discesa attraverso il dotto peritoneo-vaginale pervio di un ansa intestinale.

L’idrocele si presenta come una tumefazione scrotale non dolente, di dimensioni variabili.

Nell’idrocele comunicante le dimensioni possono variare nell’arco della giornata: solitamente alla sera è più voluminoso in quanto è maggiore la quantità di liquido disceso dalla cavità addominale mentre durante la notte, la posizione sdraiata, permette il ritorno del liquido in addome.

Normalmente l’idrocele non provoca alcun dolore.
Deve suscitare preoccupazione la presenza di dolore associato ad una tumefazione inguinale, segno di un impegno di un’ansa intestinale nel dotto peritoneo-vaginale come nell’ernia inguinale intasata (vedi “L’ernia inguinale nel bambino”).
In tal caso è opportuno recarsi prontamente presso un pronto soccorso dove il personale sanitario procederà alla riduzione dell’ernia e, in caso di insuccesso, all’erniectomia d’urgenza. Nel sospetto di un idrocele è necessaria la valutazione del bambino da parte di un chirurgo pediatra.

La diagnosi è esclusivamente clinica; non sono necessari accertamenti strumentali. Ci si può avvalere della transilluminazione (con una torcia posta a contatto dello scroto, per trasparenza, permetterà di vederne il contenuto liquido e il testicolo al suo interno).

Una volta confermata la diagnosi, lo specialista valuterà se e quando intervenire chirurgicamente.

Nei primi 1-2 anni di vita è possibile assistere alla chiusura spontanea del dotto peritoneo-vaginale e alla risoluzione dell’idrocele mentre, dopo tale età, il trattamento definitivo è esclusivamente chirurgico.

La resezione del dotto peritoneo-vaginale viene praticata, in anestesia generale, con una piccola incisione in sede inguinale; si procede quindi all’isolamento, legatura alla base e resezione del dotto, analogamente a quanto prevede l’erniectomia. Tale procedura, in maniera analoga può essere eseguita anche in laparoscopia. L’intervento è eseguibile, salvo in casi particolari, in regime di “Day Surgery” con dimissione in giornata.
Nel bambino sano non sono richiesti esami preoperatori.
La convalescenza è pressoché nulla in quanto il bambino può ritornare prontamente ad una vita normale.

Ringrazio per questo articolo
Dott. Benvenuti Stefano
Chirurgo Pediatra
U.O.C. Chirurgia Pediatrica
Ospedale dei Bambini
ASST: Spedali Civili di Brescia


Potrebbe anche interessarti:
La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro

La stenosi ipertrofica del piloro (SIP) è caratterizzata dall’ostruzione meccanica di natura ignota del piloro, ossia di quella valvola posta tra lo stomaco e il duodeno.

Leggi tutto

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Il reflusso gastroesofageo (RGE) nel bambino

Reflusso, ovvero quando la valvola tra esofago e stomaco non funziona bene e si apre quando non dovrebbe.

Leggi tutto

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Petto escavato (Pectus Excavatum)

Il Pectus Excavatum (PE) è una malformazione congenita della parete toracica causata da un'anomala ridotta la distanza tra sterno e rachide, al contrario di quello che succede in caso di petto carenato.

Leggi tutto

L'appendicite

L'appendicite

L’appendicite è un’infezione dell’appendice vermiforme, ossia di quel piccolo tratto di intestino a fondo cieco, connesso alla prima parte del colon.

Leggi tutto

L'ernia inguinale in età pediatrica

L'ernia inguinale in età pediatrica

L’ernia inguinale è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia, soprattutto durante i primi 3 mesi di vita.

Leggi tutto

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Criptorchidismo, ritenzione, ectopia testicolare e testicolo mobile

Analisi e risoluzioni delle possibili alterazioni del processo di migrazione testicolare nei bambini

Leggi tutto

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Il Varicocele nel bambino e nell’adolescente

Approfondimento del dott. Benvenuti sul varicocele per conoscerne cause, implicazioni e soluzioni

Leggi tutto

Il petto carenato

Il petto carenato

Il petto carenato (PC) è una deformità della parete toracica caratterizzata da una sporgenza dello sterno e delle cartilagini costali che fanno assomigliare lo sterno alla prua di una barca

Leggi tutto

La fimosi nel bambino

La fimosi nel bambino

Per fimosi si intende un restringimento del prepuzio, ossia del foglietto muco-cutaneo retrattile che avvolge il glande, da non permetterne l’agevole scopertura.

Leggi tutto

L'idrocele nel bambino

L'idrocele nel bambino

L’idrocele, insieme all’ernia, è uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia.

Leggi tutto


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087