fbpx

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Dopo qualche tempo dal problema della balbuzie del bimbo compare un nuovo problema.

L’accordo preso con quella signora prevedeva che, a distanza di un mese, mi avrebbe fatto sapere come andavano le cose, quando mi contatta mi fa sapere che ci sono alcune novità.

Signora: “Dottoressa ho seguito i suoi suggerimenti e per un paio di settimane tutto è andato bene, il bambino ha smesso di balbettare, non ci credevo, mi pareva un miracolo. Poi però è andato all’asilo, lì i compagni hanno iniziato a prenderlo in giro e così un poco ha ripreso.”

Dott.ssa : “Signora come fa a dire che i bambini lo hanno preso in giro?”

Signora: “Me lo ha detto lui, in macchina, mi ha detto “mamma gli altri all’asilo mi prendono in giro””

Dott.ssa: “Signora, mi ha detto che suo figlio ha quattro anni vero?”

Signora: “Si!”

Dott.ssa: “Perbacco! Direi che per un bambino di quattro anni non è poco riconoscere che gli altri lo prendono in giro, ha già una buona capacità di leggere sé e quel che accade con gli altri!”

Signora:”Si, effettivamente è molto intelligente e sveglio.”

Dott.ssa : ”Dunque lei che ha fatto o detto quando lui le ha detto cosi?”

Signora: ”Gli ho detto che non doveva ascoltarli, che doveva fregarsene, ma non mi è parso molto soddisfatto.”

Dott.ssa : “Capisco …. si può andare come prima risposta, i bambini lo fanno, scherzano, per loro è un gioco, tuttavia, potrebbe esser utile far sentire al bambino che l’adulto lo comprende e riconosce i suoi sentimenti, per esempio può dirgli: “immagino tu ti sia sentito offeso, non è bello quando gli altri fanno dell’ironia su qualcuno.”

Signora: “E se la cosa va avanti?”

Dott.ssa: “Se la cosa va avanti o se lui mostra di soffrirci particolarmente può aiutarlo a vedere diversamente il problema: “volevo dirti che sono orgogliosa di te, hai già capito che non è giusto usare gli altri per ridere, e che c’è un aspetto interessante in tutto questo, il tuo desiderio di esprimerti ha una grande valore, ti permette di catturare l’attenzione di quelli più grandi!”

Signora: “E se questo non gli bastasse?”

Dott.ssa: “In quel caso, può aggiungere, “Non ne ho la certezza, ma quelli come te da grandi diventano dei bravi oratori. Ecco, io vorrei che tu continuassi a ripetere le tue parole, le tue frasi, balbettandole, inciampando, vorrei che tu facessi questo apposta!” Chiaro?

Signora: “ Si, mi è chiaro! Dott.ssa: “Mi faccia sapere.”


Ringrazio per questo interessante approfondimento e stimolo alla riflessione:
dott.ssa Mariza Sellini
Psicologa e psicoterapeuta
telefono 338 458 16 05
mail: marziasellini@gmail.com

Altri articoli della dott.ssa Sellini per Bresciabimbi

Mia figlia non è intelligente!

Mia figlia non è intelligente!

“Dottoressa sono molto preoccupata, temo che mia figlia non sia intelligente. Ha dodici anni e non va molto bene a scuola, fa fatica, passa ore su quei libri eppure i risultati non arrivano, non sono brillanti.”
Ragazzi che odiano la scuola

Ragazzi che odiano la scuola

Un libro per aiutare i genitori a passare le regole ai figli senza comandare
Come farlo studiare

Come farlo studiare

Riflesisoni e condierazioni su un tema abbastanza diffuso oggi: quello del ragazzo che non studia.
Giocatori disordinati?

Giocatori disordinati?

Riflessione sulle tecnologie e sui rischi per la salute dovuti all’uso eccessivo di questi mezzi di comunicazione non solo nei ragazzi
Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Consigli per genitori per riflettere su cosa fare quando il figlio viene preso in giro
Non vuole più andare a scuola

Non vuole più andare a scuola

In Italia hanno iniziato a chiamarli “gli Sdraiati”. Chi sono? Ragazzi che hanno fatto abbandono scolastico precocemente e che non sopportano più la scuola.
Mia figlia non mangia!

Mia figlia non mangia!

Riflessione per genitori preoccupati perchè la figlia adolescente (è soprattutto femminile l’espressione di questo problema) da un pò di tempo in famiglia non mangia, o mangia poco
Quando la voglia di studiare va in vacanza

Quando la voglia di studiare va in vacanza

Cancelli chiusi, ma la stessa cosa non la si può dire, in molti casi, per i compiti … quelli sono come alcuni cantieri, ancora aperti …
Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Qual è il criterio a partire dal quale stiamo affermando, oggi, che quella quantità è “troppa”?”
Della voglia di studiare

Della voglia di studiare

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?
Che fare quando il bambino balbetta?

Che fare quando il bambino balbetta?

Un intervento coi genitori, con un invito ad un loro auto cambiamento, potrà permettere di risolvere o alleviare il problema delle balbuzie del figlio
Il bambino che si tocca

Il bambino che si tocca

Riflessione su come approcciarsi al bambino che "si tocca"

Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

Dopo qualche tempo dal problema della balbuzie del bimbo compare un nuovo problema.

L’accordo preso con quella signora prevedeva che, a distanza di un mese, mi avrebbe fatto sapere come andavano le cose, quando mi contatta mi fa sapere che ci sono alcune novità.

Signora: “Dottoressa ho seguito i suoi suggerimenti e per un paio di settimane tutto è andato bene, il bambino ha smesso di balbettare, non ci credevo, mi pareva un miracolo. Poi però è andato all’asilo, lì i compagni hanno iniziato a prenderlo in giro e così un poco ha ripreso.”

Dott.ssa : “Signora come fa a dire che i bambini lo hanno preso in giro?”

Signora: “Me lo ha detto lui, in macchina, mi ha detto “mamma gli altri all’asilo mi prendono in giro””

Dott.ssa: “Signora, mi ha detto che suo figlio ha quattro anni vero?”

Signora: “Si!”

Dott.ssa: “Perbacco! Direi che per un bambino di quattro anni non è poco riconoscere che gli altri lo prendono in giro, ha già una buona capacità di leggere sé e quel che accade con gli altri!”

Signora:”Si, effettivamente è molto intelligente e sveglio.”

Dott.ssa : ”Dunque lei che ha fatto o detto quando lui le ha detto cosi?”

Signora: ”Gli ho detto che non doveva ascoltarli, che doveva fregarsene, ma non mi è parso molto soddisfatto.”

Dott.ssa : “Capisco …. si può andare come prima risposta, i bambini lo fanno, scherzano, per loro è un gioco, tuttavia, potrebbe esser utile far sentire al bambino che l’adulto lo comprende e riconosce i suoi sentimenti, per esempio può dirgli: “immagino tu ti sia sentito offeso, non è bello quando gli altri fanno dell’ironia su qualcuno.”

Signora: “E se la cosa va avanti?”

Dott.ssa: “Se la cosa va avanti o se lui mostra di soffrirci particolarmente può aiutarlo a vedere diversamente il problema: “volevo dirti che sono orgogliosa di te, hai già capito che non è giusto usare gli altri per ridere, e che c’è un aspetto interessante in tutto questo, il tuo desiderio di esprimerti ha una grande valore, ti permette di catturare l’attenzione di quelli più grandi!”

Signora: “E se questo non gli bastasse?”

Dott.ssa: “In quel caso, può aggiungere, “Non ne ho la certezza, ma quelli come te da grandi diventano dei bravi oratori. Ecco, io vorrei che tu continuassi a ripetere le tue parole, le tue frasi, balbettandole, inciampando, vorrei che tu facessi questo apposta!” Chiaro?

Signora: “ Si, mi è chiaro! Dott.ssa: “Mi faccia sapere.”


Ringrazio per questo interessante approfondimento e stimolo alla riflessione:
dott.ssa Mariza Sellini
Psicologa e psicoterapeuta
telefono 338 458 16 05
mail: marziasellini@gmail.com

Altri articoli della dott.ssa Sellini per Bresciabimbi

Mia figlia non mangia!

Mia figlia non mangia!

Riflessione per genitori preoccupati perchè la figlia adolescente (è soprattutto femminile l’espressione di questo problema) da un pò di tempo in famiglia non mangia, o mangia poco
Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Qual è il criterio a partire dal quale stiamo affermando, oggi, che quella quantità è “troppa”?”
Ragazzi che odiano la scuola

Ragazzi che odiano la scuola

Un libro per aiutare i genitori a passare le regole ai figli senza comandare
Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Consigli per genitori per riflettere su cosa fare quando il figlio viene preso in giro
Quando la voglia di studiare va in vacanza

Quando la voglia di studiare va in vacanza

Cancelli chiusi, ma la stessa cosa non la si può dire, in molti casi, per i compiti … quelli sono come alcuni cantieri, ancora aperti …
Non vuole più andare a scuola

Non vuole più andare a scuola

In Italia hanno iniziato a chiamarli “gli Sdraiati”. Chi sono? Ragazzi che hanno fatto abbandono scolastico precocemente e che non sopportano più la scuola.
Della voglia di studiare

Della voglia di studiare

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?
Il bambino che si tocca

Il bambino che si tocca

Riflessione su come approcciarsi al bambino che "si tocca"
Come farlo studiare

Come farlo studiare

Riflesisoni e condierazioni su un tema abbastanza diffuso oggi: quello del ragazzo che non studia.
Giocatori disordinati?

Giocatori disordinati?

Riflessione sulle tecnologie e sui rischi per la salute dovuti all’uso eccessivo di questi mezzi di comunicazione non solo nei ragazzi
Mia figlia non è intelligente!

Mia figlia non è intelligente!

“Dottoressa sono molto preoccupata, temo che mia figlia non sia intelligente. Ha dodici anni e non va molto bene a scuola, fa fatica, passa ore su quei libri eppure i risultati non arrivano, non sono brillanti.”
Che fare quando il bambino balbetta?

Che fare quando il bambino balbetta?

Un intervento coi genitori, con un invito ad un loro auto cambiamento, potrà permettere di risolvere o alleviare il problema delle balbuzie del figlio

Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087