fbpx

Della voglia di studiare

Della voglia di studiare

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?

Perchè ragazzi regolari, disciplinati nell’impegno in alcuni ambiti della loro vita, ad esempio nello sport, appaiono discontinui e indisciplinati a scuola?
Perchè ragazzi definiti incapaci a scuola dimostrano di riuscire in altri ambiti della vita?

Alcuni leggono questo come il segno di una carenza del ragazzo, dicono c’è qualcosa in lui che non va.
Gli manca qualcosa, una risorsa, una caratteristica personale, intrinseca. Attribuiscono questa carenza al suo carattere, alla sua persona, dicono ad esempio: “Carlo è svogliato, discontinuo, disorganizzato, inconcludente, potrebbe fare di più ma non si applica abbastanza” oppure “è pigro, s’impegna ma non ce la fa poverino,” o peggio ancora “è un fannullone, un nullafacente”.

C’è addirittura chi dice, “c’è un guasto, qualcosa da riparare in lui”, e c’è chi arriva a dire “è depresso”.

Oggi sappiamo che non è così!
Sappiamo che la questione della “volontà” è cosa ben più complessa.
La volontà è solo una parola che viene utilizzata per giustificare il “non fare” o per alimentare rimproveri e richiami.

In sostanza è soprattutto un grosso alibi che permette il non impegno.

Che fare dunque con quei bambini e ragazzi che hanno scelto di indossare tale alibi?

Intanto occorre non fare e non dire sempre le stesse cose!
Perchè sono proprie queste stesse cose, che si dicono e si fanno col ragazzo, che contribuiscono a mantenere il problema.

Non si ottiene la voglia di studiare comandandola!
Dicendo al ragazzo, per esempio: “Studia! Impegnati! Sforzati!”. Al contrario, è proprio questo modo di comunicare che mantiene e rinforza il problema.

La questione, se protratta nel tempo, diviene gioco identitario. Ovvero, così dicendo l’adulto convince il ragazzo, il bambino di essere “uno svogliato, un fannullone, uno scansafatiche ..”

Inconsapevolemente lo invita a credere di non poter essere altro, di non poter comunicare altro. Il ragazzo, che per ragioni profonde ed importanti esistenziali ha bisogno di definizioni, di aggettivi che lo qualifichino, che gli permettano di sapere di Sé, per mettere a punto una sua riconoscibilità sociale, aderisce alla proposta dell’adulto (anche per i vantaggi che questa gli consente) e una volta indossato l’abito dello “svogliato”, del “negligente”, del “fannullone”, agisce in modo coerente con tale etichetta linguistica. In altre parole, comincia a dire di Sè, spesso in modo implicito, inconsapevole, “io sono fatto così, questo è il mio carattere, è una mia caratteristica di personalità, sono immutabile, pertanto non mi è possibile cambiare”.

A questo punto, appare ovvio che per far cadere il problema, per rompere questa coerenza narrativa, occorre comunicare in modo differente e vedere nel ragazzo altro, rispetto a quanto nel senso comune appreso e che, ora sappiamo, contribuisce a costruire e ingessare il problema.

Suggerisco agli adulti che non riescono a fare quegli autocambiamenti necessari per vedere altro nel ragazzo e quindi far cadere il problema, la partecipazione al corso “Studiare bene senza averne voglia”.

Il corso, ideato dal dott. Marco Vinicio Masoni (psicologo, psicoterapeuta), più di ventanni fa e realizzato con migliaia di ragazzi in tutti Italia, ha la finalità di demolire l’alibi retorico della non voglia di studiare. Attraverso giochi relazionali, discussioni sdrammatizzanti il concetto di volontà, simulate e nell’uso di tecniche educative sperimentate, si coinvolge il ragazzo nella scoperta di sè e del fatto che è possibile andare bene a scuola pur non avendo voglia di studiare. Il ragazzo potrà così far emergere ciò che ha appreso e dimenticato o negato dalla soggettività. Al termine dell’incontro con i ragazzi segue un colloquio coi genitori finalizzato a suggerire nuove strategie comunicative e relazionali col ragazzo.


Ringrazio per questo interessante approfondimento e stimolo alla riflessione:
dott.ssa Mariza Sellini
Psicologa e psicoterapeuta
telefono 338 458 16 05
mail: marziasellini@gmail.com

Altri articoli della dott.ssa Sellini per Bresciabimbi

Mia figlia non mangia!

Mia figlia non mangia!

Riflessione per genitori preoccupati perchè la figlia adolescente (è soprattutto femminile l’espressione di questo problema) da un pò di tempo in famiglia non mangia, o mangia poco
Il bambino che si tocca

Il bambino che si tocca

Riflessione su come approcciarsi al bambino che "si tocca"
Che fare quando il bambino balbetta?

Che fare quando il bambino balbetta?

Un intervento coi genitori, con un invito ad un loro auto cambiamento, potrà permettere di risolvere o alleviare il problema delle balbuzie del figlio
Giocatori disordinati?

Giocatori disordinati?

Riflessione sulle tecnologie e sui rischi per la salute dovuti all’uso eccessivo di questi mezzi di comunicazione non solo nei ragazzi
Quando la voglia di studiare va in vacanza

Quando la voglia di studiare va in vacanza

Cancelli chiusi, ma la stessa cosa non la si può dire, in molti casi, per i compiti … quelli sono come alcuni cantieri, ancora aperti …
Come farlo studiare

Come farlo studiare

Riflesisoni e condierazioni su un tema abbastanza diffuso oggi: quello del ragazzo che non studia.
Della voglia di studiare

Della voglia di studiare

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?
Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Consigli per genitori per riflettere su cosa fare quando il figlio viene preso in giro
Ragazzi che odiano la scuola

Ragazzi che odiano la scuola

Un libro per aiutare i genitori a passare le regole ai figli senza comandare
Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Qual è il criterio a partire dal quale stiamo affermando, oggi, che quella quantità è “troppa”?”
Mia figlia non è intelligente!

Mia figlia non è intelligente!

“Dottoressa sono molto preoccupata, temo che mia figlia non sia intelligente. Ha dodici anni e non va molto bene a scuola, fa fatica, passa ore su quei libri eppure i risultati non arrivano, non sono brillanti.”
Non vuole più andare a scuola

Non vuole più andare a scuola

In Italia hanno iniziato a chiamarli “gli Sdraiati”. Chi sono? Ragazzi che hanno fatto abbandono scolastico precocemente e che non sopportano più la scuola.

Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Comments (2)

    • Il corso è destinato a ragazzi frequentanti la scuola media inferiore, superiore e a giovani universitari. Viene condotto con piccoli gruppi di ragazzi, distinti a seconda della fascia d’età, o singolarmente.
      Il prossimo corso si terrà mercoledì 28 Maggio presso lo studio di via F.lli Lechi, 27 a Brescia (Bs).
      Per ulteriori informazioni può contattarmi anche all’indirizzo di posta elettronica marziasellini@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Bimbi in cucina con BimbiChef!

bimbichef

Divertenti laboratori di cucina per diventare piccoli chef

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?

Perchè ragazzi regolari, disciplinati nell’impegno in alcuni ambiti della loro vita, ad esempio nello sport, appaiono discontinui e indisciplinati a scuola?
Perchè ragazzi definiti incapaci a scuola dimostrano di riuscire in altri ambiti della vita?

Alcuni leggono questo come il segno di una carenza del ragazzo, dicono c’è qualcosa in lui che non va.
Gli manca qualcosa, una risorsa, una caratteristica personale, intrinseca. Attribuiscono questa carenza al suo carattere, alla sua persona, dicono ad esempio: “Carlo è svogliato, discontinuo, disorganizzato, inconcludente, potrebbe fare di più ma non si applica abbastanza” oppure “è pigro, s’impegna ma non ce la fa poverino,” o peggio ancora “è un fannullone, un nullafacente”.

C’è addirittura chi dice, “c’è un guasto, qualcosa da riparare in lui”, e c’è chi arriva a dire “è depresso”.

Oggi sappiamo che non è così!
Sappiamo che la questione della “volontà” è cosa ben più complessa.
La volontà è solo una parola che viene utilizzata per giustificare il “non fare” o per alimentare rimproveri e richiami.

In sostanza è soprattutto un grosso alibi che permette il non impegno.

Che fare dunque con quei bambini e ragazzi che hanno scelto di indossare tale alibi?

Intanto occorre non fare e non dire sempre le stesse cose!
Perchè sono proprie queste stesse cose, che si dicono e si fanno col ragazzo, che contribuiscono a mantenere il problema.

Non si ottiene la voglia di studiare comandandola!
Dicendo al ragazzo, per esempio: “Studia! Impegnati! Sforzati!”. Al contrario, è proprio questo modo di comunicare che mantiene e rinforza il problema.

La questione, se protratta nel tempo, diviene gioco identitario. Ovvero, così dicendo l’adulto convince il ragazzo, il bambino di essere “uno svogliato, un fannullone, uno scansafatiche ..”

Inconsapevolemente lo invita a credere di non poter essere altro, di non poter comunicare altro. Il ragazzo, che per ragioni profonde ed importanti esistenziali ha bisogno di definizioni, di aggettivi che lo qualifichino, che gli permettano di sapere di Sé, per mettere a punto una sua riconoscibilità sociale, aderisce alla proposta dell’adulto (anche per i vantaggi che questa gli consente) e una volta indossato l’abito dello “svogliato”, del “negligente”, del “fannullone”, agisce in modo coerente con tale etichetta linguistica. In altre parole, comincia a dire di Sè, spesso in modo implicito, inconsapevole, “io sono fatto così, questo è il mio carattere, è una mia caratteristica di personalità, sono immutabile, pertanto non mi è possibile cambiare”.

A questo punto, appare ovvio che per far cadere il problema, per rompere questa coerenza narrativa, occorre comunicare in modo differente e vedere nel ragazzo altro, rispetto a quanto nel senso comune appreso e che, ora sappiamo, contribuisce a costruire e ingessare il problema.

Suggerisco agli adulti che non riescono a fare quegli autocambiamenti necessari per vedere altro nel ragazzo e quindi far cadere il problema, la partecipazione al corso “Studiare bene senza averne voglia”.

Il corso, ideato dal dott. Marco Vinicio Masoni (psicologo, psicoterapeuta), più di ventanni fa e realizzato con migliaia di ragazzi in tutti Italia, ha la finalità di demolire l’alibi retorico della non voglia di studiare. Attraverso giochi relazionali, discussioni sdrammatizzanti il concetto di volontà, simulate e nell’uso di tecniche educative sperimentate, si coinvolge il ragazzo nella scoperta di sè e del fatto che è possibile andare bene a scuola pur non avendo voglia di studiare. Il ragazzo potrà così far emergere ciò che ha appreso e dimenticato o negato dalla soggettività. Al termine dell’incontro con i ragazzi segue un colloquio coi genitori finalizzato a suggerire nuove strategie comunicative e relazionali col ragazzo.


Ringrazio per questo interessante approfondimento e stimolo alla riflessione:
dott.ssa Mariza Sellini
Psicologa e psicoterapeuta
telefono 338 458 16 05
mail: marziasellini@gmail.com

Altri articoli della dott.ssa Sellini per Bresciabimbi

Della voglia di studiare

Della voglia di studiare

Perchè studenti brillanti, intelligenti sembrano voler non riuscire negli studi? Perchè ragazzi che sono sempre andati bene possono di colpo, cambiare atteggiamento verso la scuola?
Il bambino che si tocca

Il bambino che si tocca

Riflessione su come approcciarsi al bambino che "si tocca"
Mia figlia non mangia!

Mia figlia non mangia!

Riflessione per genitori preoccupati perchè la figlia adolescente (è soprattutto femminile l’espressione di questo problema) da un pò di tempo in famiglia non mangia, o mangia poco
Come farlo studiare

Come farlo studiare

Riflesisoni e condierazioni su un tema abbastanza diffuso oggi: quello del ragazzo che non studia.
Che fare quando il bambino balbetta?

Che fare quando il bambino balbetta?

Un intervento coi genitori, con un invito ad un loro auto cambiamento, potrà permettere di risolvere o alleviare il problema delle balbuzie del figlio
Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Che fare se mangia tropo o si abbuffa?

Qual è il criterio a partire dal quale stiamo affermando, oggi, che quella quantità è “troppa”?”
Quando la voglia di studiare va in vacanza

Quando la voglia di studiare va in vacanza

Cancelli chiusi, ma la stessa cosa non la si può dire, in molti casi, per i compiti … quelli sono come alcuni cantieri, ancora aperti …
Mia figlia non è intelligente!

Mia figlia non è intelligente!

“Dottoressa sono molto preoccupata, temo che mia figlia non sia intelligente. Ha dodici anni e non va molto bene a scuola, fa fatica, passa ore su quei libri eppure i risultati non arrivano, non sono brillanti.”
Non vuole più andare a scuola

Non vuole più andare a scuola

In Italia hanno iniziato a chiamarli “gli Sdraiati”. Chi sono? Ragazzi che hanno fatto abbandono scolastico precocemente e che non sopportano più la scuola.
Ragazzi che odiano la scuola

Ragazzi che odiano la scuola

Un libro per aiutare i genitori a passare le regole ai figli senza comandare
Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Che fare quando sono gli altri a prenderlo in giro?

Consigli per genitori per riflettere su cosa fare quando il figlio viene preso in giro
Giocatori disordinati?

Giocatori disordinati?

Riflessione sulle tecnologie e sui rischi per la salute dovuti all’uso eccessivo di questi mezzi di comunicazione non solo nei ragazzi

Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Comments (2)

    • Il corso è destinato a ragazzi frequentanti la scuola media inferiore, superiore e a giovani universitari. Viene condotto con piccoli gruppi di ragazzi, distinti a seconda della fascia d’età, o singolarmente.
      Il prossimo corso si terrà mercoledì 28 Maggio presso lo studio di via F.lli Lechi, 27 a Brescia (Bs).
      Per ulteriori informazioni può contattarmi anche all’indirizzo di posta elettronica marziasellini@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animatori

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087