fbpx

Quali sono i segnali dell’ansia negli adolescenti?

Quali sono i segnali dell’ansia negli adolescenti?

Negli adolescenti spesso si possono manifestare reazioni d’ansia o stati emotivi d’agitazione che si configurano via via nel tempo come disturbi d’ansia.
Apparentemente appare essere una reazione senza motivo e causa scatenante, ma che prepotentemente interferisce con la serenità e la leggerezza dei ragazzi.

Segnali d’allarme per identificare reazioni ansiogene:

Possiamo quindi riconoscere alcuni segnali d’allarme, che si configurano come uno stato d’ansia che sta piano piano aumentando per concludersi talvolta in comportamenti patologici.

Pensieri e paure costanti sulla propria incolumità e quella dei genitori; questi pensieri possono presentarsi anche quando il ragazzo è a scuola e pertanto interferiscono con il normale apprendimento delle lezioni. Questa stato di attivazione ansiogena può portare al rifiuto di andare a scuola; in tal caso sarà necessario non sgridare il ragazzo, ma comprendere cosa sta accadendo dentro di lui.

-Anche il fisico può segnalare uno stato d’ansia attraverso frequenti attacchi di mal di stomaco ed altri malesseri fisici, per esempio mal di testa o lieve febbre; inoltre anche difficoltà nel rilassarsi e dormire.

-Nel comportamento si possono notare altre modalità regressive, ossia atteggiamenti che talvolta appaiono infantili, ad esempio con bisogno eccessivo di rassicurazioni o timori a restare solo in casa o ancora bisogno di sentire papà o mamma con telefonate frequenti durante la giornata.

-Anche durante le attività extrascolastiche l’ansia può interferire negativamente portando a nervosismo e preoccupazione; infatti può generalizzarsi a vari ambiti della vita attraverso preoccupazione eccessiva relativa alla scuola, alle amicizie o allo sport; tale condizione porta alla difficoltà nel normale svolgimento della vita quotidiana e a vivere un’adolescenza non serena.

-Nei casi più gravi preoccupazione eccessiva per specifiche situazioni, ancor prima che accadano e con tentativi di controllo per esorcizzare le paure (ad esempio : toccare più volte un oggetto, controllare la porta chiusa, rituali ossessivi e ripetuti).

I genitori come possono comportarsi per aiutare i ragazzi?

L’ansia confonde e genera paura, pertanto le spiegazioni razionali non aiutano ma spesso aumentano la frustrazione nel ragazzo che si sente incapace poiché non è in grado di uscire dal circolo vizioso dell’ansia. Spesso i genitori bonariamente spingono il ragazzo a reagire con comportamenti diversi e a non provare paura e ansia sono spesso tentativi vani!

Frasi come “non devi avere paura”, “smettila di essere timido”, ”non ci devi pensare”,“cerca di stare tranquillo” sono poco utili e spesso ottengono l’effetto contrario.

Quando l’ansia del ragazzo sottende un senso di incapacità ed evitamento, poco fiducia nelle sue risorse, emergono attacchi di panico, ossessioni, compulsioni è il caso di rivolgersi ad un professionista.

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
cel. 334.235.76.96
ascoltopsicologo.it

Potrebbe anche interessarti:



Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il giovedì arriva la newsletter!

Lascia la tua mail per restare sempre aggiornato sulle novità e le proposte interessanti, quelle che accendono il sorriso! iscriviti-newsletter

La tua PUBBLICITA’ su Bresciabimbi

Promuovi i tuoi eventi, corsi o la tua attività tramite i canali del portale

Promuoviti-con-Bresciabimbi-icona-

Le tue segnalazioni!

Comunica gli eventi o i corsi che organizzi o conosci, è facile, veloce e gratuito!Segnala

Cerchi un CORSO per BAMBINI o per TE?

Cosa facciamo oggi?

Guarda il CALENDARIO degli EVENTI in programma e trova tante buone idee

CALENDARIO

Festa di COMPLEANNO no problem!

Negli adolescenti spesso si possono manifestare reazioni d’ansia o stati emotivi d’agitazione che si configurano via via nel tempo come disturbi d’ansia.
Apparentemente appare essere una reazione senza motivo e causa scatenante, ma che prepotentemente interferisce con la serenità e la leggerezza dei ragazzi.

Segnali d’allarme per identificare reazioni ansiogene:

Possiamo quindi riconoscere alcuni segnali d’allarme, che si configurano come uno stato d’ansia che sta piano piano aumentando per concludersi talvolta in comportamenti patologici.

Pensieri e paure costanti sulla propria incolumità e quella dei genitori; questi pensieri possono presentarsi anche quando il ragazzo è a scuola e pertanto interferiscono con il normale apprendimento delle lezioni. Questa stato di attivazione ansiogena può portare al rifiuto di andare a scuola; in tal caso sarà necessario non sgridare il ragazzo, ma comprendere cosa sta accadendo dentro di lui.

-Anche il fisico può segnalare uno stato d’ansia attraverso frequenti attacchi di mal di stomaco ed altri malesseri fisici, per esempio mal di testa o lieve febbre; inoltre anche difficoltà nel rilassarsi e dormire.

-Nel comportamento si possono notare altre modalità regressive, ossia atteggiamenti che talvolta appaiono infantili, ad esempio con bisogno eccessivo di rassicurazioni o timori a restare solo in casa o ancora bisogno di sentire papà o mamma con telefonate frequenti durante la giornata.

-Anche durante le attività extrascolastiche l’ansia può interferire negativamente portando a nervosismo e preoccupazione; infatti può generalizzarsi a vari ambiti della vita attraverso preoccupazione eccessiva relativa alla scuola, alle amicizie o allo sport; tale condizione porta alla difficoltà nel normale svolgimento della vita quotidiana e a vivere un’adolescenza non serena.

-Nei casi più gravi preoccupazione eccessiva per specifiche situazioni, ancor prima che accadano e con tentativi di controllo per esorcizzare le paure (ad esempio : toccare più volte un oggetto, controllare la porta chiusa, rituali ossessivi e ripetuti).

I genitori come possono comportarsi per aiutare i ragazzi?

L’ansia confonde e genera paura, pertanto le spiegazioni razionali non aiutano ma spesso aumentano la frustrazione nel ragazzo che si sente incapace poiché non è in grado di uscire dal circolo vizioso dell’ansia. Spesso i genitori bonariamente spingono il ragazzo a reagire con comportamenti diversi e a non provare paura e ansia sono spesso tentativi vani!

Frasi come “non devi avere paura”, “smettila di essere timido”, ”non ci devi pensare”,“cerca di stare tranquillo” sono poco utili e spesso ottengono l’effetto contrario.

Quando l’ansia del ragazzo sottende un senso di incapacità ed evitamento, poco fiducia nelle sue risorse, emergono attacchi di panico, ossessioni, compulsioni è il caso di rivolgersi ad un professionista.

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
cel. 334.235.76.96
ascoltopsicologo.it

Potrebbe anche interessarti:


Potrebbe anche interessarti leggere:

 


Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2020 Copyright Bresciabimbi 2020.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987
Pec: bresciabimbi.mail@pec.it
REA: 550087